TRA L’INCUDINE E IL MARTELLO

La mosca ronzava nella stanza. Ogni tanto sbatteva sul vetro pensando che la finestra fosse aperta. Poi si posava sulla scrivania e lì sembrava riposarsi. Quindi ripartiva, volteggiava nell’aria e si lanciava verso l’uscita fino a  sbattere di nuovo sul vetro della finestra chiusa.

Un ragno la osservava, sperando che la mosca si impigliasse alla ragnatela e lì rimanesse. Era da qualche giorno infatti che saltava il pasto.

Ma la mosca sembrava conoscere il luogo dove il ragno aveva tessuto la tela, tanto che riusciva sempre ad evitarla, mentre sbatteva imperterrita contro il vetro della finestra.

“Ma non vedi che è chiusa?” a un certo punto chiese il ragno.

La mosca fece finta di nulla.

“Sei anche sorda?” domandò con arroganza il ragno.

La mosca continuò a volare, finché decise di fermarsi sulla maniglia di un mobile.

“E perché ti interessa?” chiese al ragno.

“Mi infastidiscono il tuo ronzio e i tonfi sul vetro”

“Cambia stanza, allora” disse la mosca. “Se vuoi, puoi passare sotto la porta!”

Il ragno cominciò ad innervosirsi. Possibile che avesse incrociato una mosca intelligente?

“Se continui, prima o poi ti faranno morire” contrattaccò il ragno.

“Aspetto la morte, ma preferisco morire schiacciata che morire tra le tue grinfie” rispose la mosca.

“Comunque si tratta sempre di morte… Se tu ti impigliassi alla mia tela, potresti essermi utile. Moriresti per una buona causa!”

La mosca ascoltava in silenzio.

“Ci stai pensando?” domandò il ragno.

Di colpo si aprì la porta della stanza.

“Lorenzo!” urlò una voce di donna. “Quante volte ti ho detto d’aprire la finestra quando ti svegli… senti che puzza!”

La donna aprì la finestra e la mosca, con un ghigno rivolto al ragno, fuggì all’aria aperta.

“Lorenzo, vieni subito qui!”, disse ancora la voce di donna. “Guarda quel ragno… Portami la ciabatta per favore…”

(di Stefano Re)

  1. Chi la fa l’aspetti. Alla fine chi ci ha lasciato le penne è stato il ragno. Complimenti, Stefano. Sempre brillanti e intelligenti i tuoi post.

    O.T. il calendario di luglio è alle porte. il 3 luglio va bene?

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...