A cosa pensi?

Sta camminando su di una superficie d’acqua. Lo trovo ironico considerando i millimetri di profondità. Ciò non lo dissuade, si crede Dio lo stesso. Gli piace che quello spazio conquistato abbia un senso di freschezza estiva, sebbene l’Autunno sia alle porte. Settembre 2016.

Chiede una foto. 

Vuole dimostrarmi che è capace di provare la leggerezza dei suoi anni. 

Inquadro per prima la tensione sulle labbra, sembra stia per scoppiare in una risata che mi coinvolgerà. 

Scatto. Un altro, poi ancora. Cambio prospettiva e sembra ancor più un adolescente. 

“Un ragazzino alla fine delle scuole”

Mi raggiunge sporcandomi di terra i jeans. Osserva il fattaccio “stai meglio senza”.  Per un momento ricordo esattamente il nostro primo incontro, prima di sapere verso  cosa sarei andata incontro, proseguendo questo cammino.

Tranquillo a piedi scalzi, un rametto impreca sotto la pianta del piede. 

A cosa pensi, mentre stai vivendo? Vorrei dirgli, prima dimenticarmi della domanda stessa.

apiediscalzi 

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...