Destino – 3

La seconda parte è QUI

Pierre, terminato il turno al banco frutta dell’emporio Carver, sgattaiolò provando a nettar le mani con uno straccio. Alla fontana della piazza completò l’opera, sciacquando anche la faccia impregnata di sonno. Dalle cinque del mattino sveglio e in moto per le faccende del mercato, adesso si trovava poca energia in corpo da spendere con la bella Marie. Ma si sa, tolti i vestiti di dosso e davanti alle grazie esposte della giovane amante, la gioventù avrebbe compensato qualunque fatica pregressa. Passando dinnanzi la chiesa ebbe un brivido: la statistica, seppur inclemente, non lo induceva a prendere sul serio le conseguenze, sebbene si rendesse conto di quanto fosse oltre che temerario stupido. La stessa Marie più volte l’aveva redarguito: solo sesso tra di loro, come per tante donne in paese. Solo quello, tutto il resto ahi loro doveva essere mantenuto lontano. E perfino segreto vista la perfidia della matrigna. 
Holbesh, nello stesso istante, vedeva su di sé volteggiar le due donne, che anche tra loro ogni tanto indulgevano in pratiche che rincuoravano il suo occhio oltre a lasciar un po’ riposare il suo povero dimenar d’uomo. Eppure tra un orgasmo e l’altro, in mente ben chiaro tornava il volto sereno della vedova Morel. Era un pensiero fisso e dolce che per fortuna ben l’aiutava a recuperar foga in quella spossante danza a tre.
Due isolati a fianco, più tardi, Marie con un lenzuolo a velarla appena, seduta sulla sponda del letto, protestava il suo disappunto.

– Perché Pierre ti ostini in questi discorsi? Perché? Non hai sentito in chiesa padre Martin redarguir noi tutte sull’accampar pretese per chicchessia uomo del paese o forestiero?
– Ma padre Martin potrebbe sbagliarsi, potrebbe esser solo un caso e non una…
– Caso? E mio padre e Morel. E il signor Chassisse, Veron, Peregrine. D’Anton!
– Ma rifletti, tua madre allora?
– Allora cosa? Cosa? Stai parlando di prima della guerra?
– E che cosa avrebbe dovuto causar di così astruso la guerra?
– Non è cosa che una locandiera o un garzone di bottega possono capire. Ma tant’è se vogliamo ancora stare insieme dobbiamo fare come tutte le mie amiche e parenti.

E dicendo questo fece scivolare maliziosamente il lenzuolo rivelandosi nuovamente a lui completamente nuda. Pierre dovette pensare che la vita ci regala istanti da cogliere e che per quei discorsi sicuramente c’era tempo. Così, anche lui pronto all’amore, si rituffò in tutto quel ben di dio che attendeva solo d’essere preso e ridotto ancora a corpo stremato e ansimante.
Da poche ore, mesta e preoccupata, la vedova Morel era rientrata e seduta sul piccolo patio davanti casa, rifletteva sugli stessi argomenti che torturavan l’anima di Pierre. Lei, da brava fedele osservante, credeva alle parole di padre Martin; eppure ripensando agli struggimenti di Holbesh, ai loro stupidi altalenanti incontri, si faceva assalire da dubbi e speranze. Certo ripensava al marito, spentosi improvvisamente in un bel giorno di primavera proprio mentre rientravano da una delle prediche più accorate del sacerdote. Ancora sentiva dentro di sé quel sentimento di colpa misto a rabbia. Quello era un destino per lei e per le tante rimaste a rifletter troppo sui fatti, guidate dalla ragione più che dal cuore, che s’eran opposte alla realtà, perdendo cari affetti e tranquillità. 
Già, anche lei doveva farsene una ragione, come Marie e le altre sue conterranee, accettando la sua condizione per accontentarsi delle gioie del sesso. E in mente sua, pensando adesso alla giornata appena trascorsa con Holbesh, già l’accontentarsi sembrò ben riduttivo.
A tarda notte Holbesh e Pierre, piuttosto acciaccati si incrociarono sulla piazzetta del santuario e con uno sguardo inequivocabile si confessarono tante cose. Rimasero un attimo come a voler condividere i loro pesanti fardelli. L’amore signori, l’amore che li distruggeva piano piano, giorno dopo giorno, insensatamente devoti a quello che per loro era solo un infausto destino.
Poi, così come erano apparsi nella oscurità della piazza, sparirono per strade opposte a guadagnar finalmente un letto, dove semplicemente riposare nelle poche ore ancora disponibili alla notte.
La vedova Morel, infreddolita e triste, rientrò anche lei per prender meglio sonno. Marie e la matrigna, guardandosi vicendevolmente dalle finestre buie, speravano che anche quella volta nessuna di loro avesse avuto consapevolezza dei maneggi amorosi dell’altra.
La vedova D’Anton, rientrando verso casa, fece improvvisamente una svolta a destra, infilandosi dritta dritta dentro una palazzina buia ma ad occhio e croce ancora insonne. A quanto pare per lei la notte sarebbe stata lunga e per nulla tranquilla.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...