E anche le favole non hanno un lieto fine.

tratta da un post di Lucia Lorenzon

Al contrario delle favole, non c’è il lieto fine. Perché? Non lo so. Ho deciso in questa maniera, ma forse perché non è una favola ma vita vissuta.

Giovanni e Aurora sono due persone sposate ma non si amano. Ma perché stanno insieme? Forse tutte le persone che stanno insieme si amano? Spesso litigano, a volte si sopportano e alla fine talvolta la loro unione fa naufragio. E quando il naufragio è drammatico, volano gli stracci, che non solo fanno male ma talvolta diventano peggio.

Dunque cominciamo il nostro viaggio nell’immaginario più o meno fantastico, cominciando un percorso che non ha fine, dove ognuno può immaginare un finale diverso.

Come andrà a finire?

Dopo la notte ho riflettuto su quanto ci siamo detti ieri sera e mi permetto di tratteggiare un quadro d’insieme della situazione, anche se sarà di sicuro lacunoso e inesatto, perché molti tasselli mancano. Forse li hai taciuti perché ti vergognavi ma non importa.

Per supplire farò ricorso al mio intuito, all’esperienza accumulata nel tempo, all’osservazione della vita quotidiana. Trattando una materia così complessa e difficile cercherò di essere il più attento possibile nel misurare le parole e chiederò la tua comprensione se sarò indelicato o indiscreto.

Quindi cominciamo col parlare di te e di tuo marito, di cui conosco poco o niente.

Hai detto che hai convissuto quattro anni e sei sposata da quindici, quindi hai iniziato la tua condizione di moglie-convivente quando avevi ventidue anni. Ipotizzando che la relazione stabile sia iniziata un anno prima, potrebbe significare che fino al ventunesimo anno hai avuto relazioni sentimentali e sessuali sporadiche oppure no. Posso sbagliarmi, ma mi hai confidato che il tuo futuro marito non sarebbe stato la prima e l’unica relazione della tua vita, quindi devo dedurre che avrai avuto altre storie in precedenza. Quante siano state importanti non lo so ma qualcuna ha lasciato il segno come sarà precisato più avanti. Su questo punto sei stata reticente ma posso comprenderti.

Poiché dopo quattro anni di convivenza avete deciso di sposarvi, devo desumere che avevate giudicato l’esperienza positivamente. Però secondo me anche dopo esservi sposati avete continuato a ragionare come se foste conviventi. Infatti hai detto che all’inizio non desideravi avere figli per motivi di lavoro e non ti sentivi pronta alla maternità. Aggiungo io che ognuno di voi conduceva la propria vita in modo indipendente a eccezione delle occasioni in cui avete avuto frequentazioni pubbliche. Forse avete fatto vacanze disgiunte, visto che le vostre professioni non coincidono in termini temporali nelle ferie.

Quando tu sei entrata nell’ottica della maternità, lui ha fatto quattro calcoli vedendo amici e conoscenti che avevano avuto dei figli. Per lui sarebbe stato un cambiamento di abitudini radicali che lo hanno spaventato, avrebbe dovuto cambiare stile di vita, sarebbe stato condizionato dalle responsabilità paterne. Da qui, secondo me, nasce il suo rifiuto. Ha prevalso l’egoismo sul rapporto di coppia. Nulla da stupirsi, perché si sente talvolta che alcuni mesi dopo la nascita del figlio la coppia si separa. Perché? Il padre era incapace di sopportare le responsabilità, le limitazioni che doveva subire, i cambiamenti al suo modo di pensare e di agire.

Questi fattori hanno inaridito il matrimonio, l’hanno svuotato di contenuti, hanno diradato i rapporti sessuali, forse avete anche cominciato a non dormire nello stesso letto. Sono quasi certo che lui ha cercato fuori dal matrimonio, quello che non trovava più all’interno.

Tu hai cominciato a sognare innamoramenti virtuali, finché non hai incontrato un tuo ex, trasformando il virtuale in reale e sei stata presa nel vortice dell’amore, che non avevi conosciuto o provato. O forse hai fantasticato su questa opportunità. Hai creduto nell’innamoramento, trasformando semplici fantasie in grandi sogni.

Però procediamo con ordine e metodo, se esiste.

In questo momento non provi nulla verso tuo marito. È probabile che lui ricambi lo stesso pensiero verso di te, anche se in apparenza sembrate agli occhi degli amici e conoscenti una coppia felice.

Provo a valutare questo mitico ex, che conosco solo attraverso i tuoi occhi. Quindi avevo intuito giusto che prima di cominciare la relazione con tuo marito ne hai avuta una importante o che ha lasciato un segno tangibile dentro di te. Forse è stato il primo con cui hai avuto un rapporto sessuale. Sono nel campo delle ipotesi. Mi piace fantasticare. Lasciarmi trasportare dall’intuito, dalla vena irrazionale che alberga in me.

Mi hai passato tre informazioni importanti e significative, secondo il mio punto di vista:

  1. lui era curioso di vedere come eri cambiata dopo vent’anni;

  2. ti ha accusata di usare violenza psicologica su di lui,

  3. ti manda messaggi pieni di doppi sensi, un po’ sdolcinati per uno sposato.

Vediamo di analizzarli uno alla volta, tenendo presente che è sposato e forse ha figli e dall’età indefinita ma non troppo. Il perché è nella ricostruzione che segue. Forse ha qualche anno più di te o qualcuno meno. È stato un tuo ex e non vi vedete da vent’anni. Dunque è stato l’ultimo uomo prima di conoscere quello che poi hai sposato. È nel pieno del vigore fisico. Un fattore non indifferente per un uomo. Bello? Brutto? Alto? Basso? Simpatica carogna o inguaribile romantico? Forse tutto questo oppure nulla di quanto ho immaginato. Ha importanza? No, nell’economia del ragionamento non conta nulla. Quello che importa per te è che lo trovi interessante, piacevole da frequentare e con qualcosa che complementi la tua esistenza attuale tanto che ti senti attratta da lui.

Lui dice di essere curioso, di vedere come sei cambiata dall’ultima volta che vi siete frequentati.

Una persona sposata non fa queste affermazioni se non nascondono uno scopo. Provo a intuire come uomo perché. Ha percepito che tu sei fragile, sei vulnerabile, perché il tuo matrimonio non funziona, perché cerchi fuori da questo delle sensazioni che non trovi al suo interno. Intuisce anche che tu difficilmente chiuderai il rapporto con tuo marito (le motivazioni te le spiegherò più avanti). Dunque una facile avventura extra con rapporti sessuali (scusa la franchezza, ma non ne posso fare a meno) tranquilli e sicuri. Forse qualche week end lontani da tutti insieme. Insomma niente di pericoloso per lui e il suo mondo.

Poi scopre che tu hai trasformato in amore questa avventura, che hai quarantuno anni e non tredici e non cerchi solo sesso e compagnia, ma pretendi qualcosa di più.

Allora prende paura e afferma che tu eserciti su di lui violenza psicologica per riportare nei binari da lui stabiliti la vostra relazione.

Giustamente tu ti offendi e litigate, interrompendola. Dico giustamente perché non sei una ragazzina, ma una donna matura. Lui capisce di trovarsi in un vicolo cieco: non vuole rompere il suo matrimonio ma non vuole allo stesso tempo perderti. Ipotizzo che lui si trovi bene con te in tutti i sensi.

Quindi ti manda messaggi sdolcinati, pieni di lusinghe sperando di riportare indietro il vostro rapporto come all’inizio: chiacchiere e un po’ di sesso tranquillo e sicuro. Lui ha capito che tu lo ami e gioca sui tuoi sentimenti per raggiungere il suo scopo. Quindi vorresti dimenticarlo, ma non riesci e stai male, molto male. Sei in un tunnel buio e senza luci in fondo. Questo ti crea dei problemi, che vorresti risolvere ma non sai come.

Non vuoi rompere il matrimonio per convenienza, perché non fa parte della tua personalità. Però se tuo ex rompesse il suo matrimonio, lo faresti anche tu. Ma questo il tuo ex non ha nessuna intenzione di farlo, quindi preferisci proseguire in un’unione arida e senza sbocchi.

Però mi hai chiesto aiuto per come uscire dall’impasse in cui ti trovi e quindi veniamo alle conclusioni.

Come deve reagire la nostra dolce Aurora e perché lo deve fare.

E mi aspetto, miei pazienti lettori che proviate a proseguire la storia.

  1. Bisogna cercare di fare cose che ci rendano felici…che facciano male o meno… non avere paura ma fare ciò che ci sentiamo anche se vai a sbattere e rischi di farti male… non è per nulla facile… e bisogna amarsi e amare stare bene con l’altro….i figli sono qualcosa in più…e prima di amarsi volersi anche tanto bene…

  2. Divido a metà la lettura: mi piangono gli occhi quando sto troppo al Pc…
    Più tardi leggerò il resto di una narrazione che sembra una telefonata tra amici o qualcosa di più

  3. Aurora è entrata in un vortice di passione e felicità ma non complete; per uscirne servirebbero soluzioni scomode e drastiche. Una rinuncia, ad esempio. Verso chi e cosa, dipende dalla sua scelta.
    Un saluto.
    Univers

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...