CHE PASTICCIO!

“Cosa diamine hai messo sugli occhi? Vatti a lavare, che sembri un pagliaccio da circo.”
“Non è vero, guardami bene…”
“Ti ho visto. Sei ridicola.”
“Questo lo dici tu! Anna e Martina lo fanno ogni giorno, e vengono truccate anche a scuola.”
“Te l’ho già detto un sacco di volte: di ciò che fanno gli altri, non me ne frega niente!”.
“Invece a me interessa, e eccome!”
“Ehi, voi due, cosa succede? Perché litigate?”
“Come al solito il Papà non capisce proprio un cavolo.”
“Ah, sì? Sarei io a non capire mai niente? Abbassa subito il tono, bellezza, se non hai intenzione di finire male. Guardala! Si è messa in faccia tanta di quella roba che sembra una prostituta. Basta, ho perso la pazienza. Va’ subito a lavarti la faccia.”
“Mamma, chi è una prostituta?”
“Lascia perdere tuo padre. Voltati, così posso giudicare il lavoro.”
“Certo. Ecco, mamma. Ti piace?”
“A dire il vero, trovo che tu abbia un po’ esagerato con l’ombretto.”
“Solo con l’ombretto ha esagerato? E il rossetto, quella roba spessa e inguardabile lì, per te va bene?”
“Gino, calmati. Non fare il retrogrado!”
“Retrogrado un paio di balle! Qui sono l’unico che lavora tutti i santi giorni, e che ne vede di tutti i colori. E’ pieno, in giro, di quelle ragazzine lì, messe così, con la faccia pittata, e che si atteggiano da prime donne lanciando occhiatine languide a tutti i maschietti. Ammettilo, puoi dirlo al tuo paparino: c’è qualche bel tipetto che ti fila, non è forse vero?”
“Gino, smettila! Può darsi che Sara voglia solo sentirsi più grande.”
“Già. Lo sai, io credo agli unicorni!”
“Io non mi lavo!”
“Allora, oggi tu non esci di casa,”
“Mamma, per favore, dillo tu a papà: sono grande ormai, ho già dieci anni.”
“Vieni qui, mi farebbe piacere poterti guardare da vicino.”
“Eccomi, mamma.”
“Dopo aver steso l’ombretto devi imparare a sfumarlo bene. Puoi prendere un pennellino dei miei, quelli nel barattolo poggiato sulla mensola della specchiera, e poi lo passi sulla palpebra, sempre dal basso verso l’alto. Se hai voglia di lavarti la faccia, ti insegno io.”
“Brava, complimenti!”
“Su, Gino. E’ solo un po’ di trucco, non è mica la fine del mondo.”
“Già, ma da qualcosa bisogna pur cominciare. Non lamentarti con me se entro due mesi ti chiederà la pillola.”
“Cos’è la pillola?”
“Te lo spiega tuo padre.”
“Sicuro, te lo spiegherò più avanti, il giorno che ritirerò l’assegno della mia prima pensione.”
“Davvero mi truccheresti, mammina?”
“Certo. Va’ subito a togliere questo pasticcio. Intanto io cerco un magnifico ombretto argentato e un dolcissimo lucidalabbra alla pesca.”
“Mhm, sono proprio contenta. Io adoro la pesca, che bello! Vado e torno, sarò velocissima”.

IL FURTO.

vetrinetta-credenza-con-alzata-mod-niqueira-marchi-cucine-in-legno-a-prezzo-scontato_N1_630553 – La colpevole sei tu!
– Sbagli!
– No.
– Ah ah, non possiedi le prove, non puoi accusarmi. E se fossi stata proprio tu, bellezza?
– Che sono una bellezza è certo, e ti dico anche grazie, ma potrei davvero esser stata io? Guarda qui, che faccino dolce ho…
– Sì, io dico di sì! L’abito non fa mica il monaco, mia cara.
– Impossibile! E poi, io ho un alibi, lo sai?
– Scusami bella, sarebbe?
– A quell’ora ero appisolata sul letto, ero nella mia camera.
– Quindi, se sai quando è successo, allora sei stata proprio tu!
– No. A rigor di logica, tutto deve essere accaduto proprio ieri sera, sul tardi, dato che, e ne sono sicura, nel pomeriggio c’era ancora.
– Comunque, sei tu che l’hai vista per l’ultima volta, e tutto ciò, credimi, desta non poco sospetto.
– Bugiarda, io ti ho sentito! Tu hai rovistato la credenza dopo di me. Quando l’hai fatto, io ero in soggiorno! E se questa non ci fosse  stata, ti saresti lamentata, eccome! Non posso credere che hai rinunciato a lei così facilmente.

– Ragazze, smettetela! Adesso mi avete stancato! Consegnate a vostro padre entrambi i telefonini, forza! Così, forse, una tale e orrenda disgrazia, in questa casa non accadrà mai più! Uffa, allora io cosa dovrei dire? Ve la compero ogni santa settimana, e poi non riesco mai a mangiarla!
– Mi dispiace tanto, mamma…

– Uhm, può essere che sia stato io.
– Tu, papà? Dici davvero?!?
– Ho finito la Nutella, sì, ma del tutto involontariamente. Ve lo giuro!

IL FILO.

Passeggiavo, ben imbacuccato a causa del freddo, nel bosco vicino a casa mia. All’improvviso realizzai di aver calpestato qualcosa.

Notando che si trattava solo di un filo, lì per lì non vi feci caso.

Fu solo dopo aver compiuto qualche altro passo, che la faccenda cominciò a complicarsi, e, nel contempo, a rendersi interessante.

Fui costretto a notare quanto fosse lungo; mi era parso di cotone, uno di quelli che si usano per ricamare.

E questo proseguiva a perdita d’occhio lungo il sentiero, districandosi alla meno peggio tra i sassi conficcati nel terreno bagnato e poi zigzagando tra i rami spezzati. Scompariva e ricompariva, a tratti, riemergendo dal morbido tappeto di foglie secche imbevute d’acqua piovana e diventate gommose a causa delle precipitazioni insistenti di quegli ultimi giorni.

Non avendo niente di meglio da fare, e assecondando il dubbio che quello strano filo potesse dipanarsi ancora a lungo, presi la bizzarra decisione di seguirlo: chissà, forse mi avrebbe condotto da qualche parte…

Non saprei spiegare perché, ma avevo avuto l’impressione che un filo non potesse trovarsi in mezzo a un sentiero per caso, avevo piuttosto maturato la convinzione che fosse stato messo lì per adempiere a un compito ben preciso.

Lo afferrai e avanzai stringendolo in un pugno chiuso, facendolo scorrere e tirandolo con l’altra mano. Mi trovai a percorrere all’incirca due chilometri. Le mani già infreddolite mi dolevano parecchio, e io mi maledissi per aver dimenticato a casa i miei guanti.

Avanzando mi divertii a stimarne la lunghezza: dapprima pensai che potesse trattarsi di una sola matassa, poi realizzai che avrebbero potuto essere anche due legate insieme; infine dovetti accettare l’idea che fossero persino più di tre. Mi meravigliai nel constatare come quel filo proprio non ne volesse sapere di finire.

Giunto a un certo punto, più o meno nei pressi della grande quercia, notai che il filo vi si avvolgeva più volte, ben stretto intorno al tronco; poi lo osservai proseguire, ancora. Deviando dal sentiero e perdendosi tra le piante questo si inoltrava nella rigogliosa vegetazione.

Io non serbavo alcun timore: conoscevo quel bosco proprio come conoscevo le mie tasche.

Fui almeno soddisfatto di aver indossato gli stivali di gomma, perciò mi apprestai a procedere nel sottobosco, che, ad ogni passo, sembrava diventare man mano più insidioso.

Fui presto costretto a rallentare l’andatura. Dovevo trovare il modo di districare i piedi dal suolo: enormi roveti si aggrovigliavano in continuazione alle mie gambe, trattenendomi. Il bosco sembrava opporsi con tutta la sua forza al mio passaggio, come se intendesse impedirmi di procedere. Percepivo tutto il peso del corpo sprofondare sempre più giù, nel terreno, e, solo per un istante, rabbrividii al pensiero che questo fosse vivo, cosciente, e che intendesse catturarmi, o magari inghiottirmi per farmi suo prigioniero.

Procedere a lungo in un bosco in penombra provoca alla vista uno scherzo tremendo: ben presto il paesaggio circostante si offusca e risulta difficile mettere a fuoco un qualsiasi particolare. Inoltre le giornate di novembre sono brevi, e, al tramonto, i raggi di sole obliqui e alquanto scarichi che riescono a penetrare tra i rami degli alberi sono davvero pochi. Potevo dunque contare sulla medesima intensità di luce provocata da una fiammella di candela.

Una bruma piuttosto compatta cominciava a esalare dal suolo, proprio quando questo aveva deciso di lasciarmi un po’ di tregua.

Con ostinazione colsi l’attimo e approfittai, come si suol dire, del momento buono. Proseguii il mio cammino seguendo ancora il filo, che, tirato, aveva tutta l’aria di voler raggiungere lo spazio infinito.

Sollevando lo sguardo ebbi come l’impressione di intravedere qualcosa. Non saprei dire cosa fosse, tuttavia il  filo, all’atro capo, sembrava essere sostenuto da una misteriosa entità di luce, o da qualcosa di molto simile a…

In preda all’estasi fui tentato di mettermi a correre per raggiungere in fretta quella cosa (o quella creatura), che mi sembrava davvero bellissima. Mio malgrado, ben presto inciampai in una grossa radice, finendo lungo e disteso, con il viso nel fango.

Come per opera di un orrendo sortilegio, io persi per sempre quel filo.

Non appena mi ripresi, lo cercai a lungo, e invano.

Non vi fu un solo altro giorno, da allora, in cui non desiderai inoltrarmi di nuovo nel bosco, alla penosa ricerca di quel filo. Vi ho appena passeggiato anche oggi, e, di quel maledetto, non ho più trovato nessuna traccia.

Tuttavia, mi sento costretto a chiedervi perdono. Io sono un miserabile e maldestro ciarlatano: può darsi che, quel giorno, io abbia solo smarrito il filo, un po’ troppo lungo, del mio discorso.

LA VITA.

FB_IMG_1592983594132

Ficcando la punta del naso tra le sbarre della recinzione che separa due proprietà, una signora domanda alla sua vicina: “Vorrei proprio sapere cosa ti ha spinto a dedicarti solo ora, e con tutta quella passione, all’arte del giardinaggio.”
Senza levare lo sguardo da terra, e sorridendo come in preda all’estasi, la vecchietta non tarda a rispondere: “Sapendomi priva di pollice verde, ho sempre temuto di far morire tutto ciò che piantavo. Da qualche tempo però, osservando spuntare alcune tenere piantine, mi sono accorta di vederci solo vita”.

Buona estate a tutti!

RAP DELLA QUARANTENA.

rap music , hip hop symbols - doodles set

 

RAP DELLA QUARANTENA.

Coronaus, coronaus, patatrac e spatagnaus, forever in my house. I go -step by step- oh yeah!
☆☆☆
Vado alla toilette e mi lavo le mani -wash my hands- doccia, denti, e -ancora- un bel bidet.
Faccio un giro della stanza e poi vado in cucina. Siamo tutti panettieri, basta lievito e farina: l’impasto è di ieri, il pane è fresco di stamattina.
Apparecchio, cucino, mangio e sparecchio, metto in bocca un biscotto e poi vado in salotto. Sto sul divano a cazzeggiare.
“Click”, accendo la TV, c’è il telegiornale. Protezione civile, Conte e Mattarella. E una cosa è certa: con questo virus si sbarella!
O cammino o muoio, vado un po’ in corridoio. Ripasso english – up and down – quasi quasi mi travesto anche da clown.
La mia è un’esigenza, qui ho perso la pazienza; la crescita sul biond, bond o no bond. Ma io mi mangio anche Macron, ben cotto al microond.
Ci sono i delfini a Venezia, i cinghiali per strada in Toscana, ma Milano solo uccelli, per fortuna c’è Boccelli ed è rimasta una banana.
Però c’è meno smog e si vedon anche le stelle, farò una videochiamata e mi deodorerò le ascelle.
Con l’autocertificazione -one- c’è un po’ di liberazione (Che coglxxxx! ). Ma qualcuno ha visto come è fatto un tampone?
Portarsi una bella tartaruga al guinzaglio, o anche solo una foglia di lattuga – col verme- , col verme, oppure un pesce palla che balla e boccheggia, e giuro che sarò invisibile, sarò -davvero – una scheggia.
Guanti e mascherina ritorneranno presto sul comò – Ambarabacciccicoccò! – .
E c’è anche l’amuchina, dunque son a posto, dormirò fin domattina.
E quando mi risveglierò, questo -lagnoso- rap ricanterò.
☆☆☆
Coronaus, coronaus, patatrac e spatagnaus, forever in my house. I go -step by step- oh yeah!

Vi abbraccio forte. Condivido il testo di questa canzone ( non vi nascondo che un po’ mi vergogno😂…) che è nata in un momento di noia e di disperazione durante la mia quarantena.

Ciaooo!

INDIGESTIONE.

FB_IMG_1577540928103

Eddài, considerando il periodo appena trascorso in libreria… 🤣🤣🤣

Mi son detta: MO’R’ESCO ( o mo’ RIESCO?), dato che abito vicino al lago del SERINO.
Con tutta LAGIOIA ridevo per STRADA e, al VOLO, sono stata punta da una VESPA: che MALVALDI, GADDA!
Poi, nel BOSCO, mi è venuta voglia di mangiarmi un bel MARONE, ma erano rimasti solo i RICCI.
Speravo di incontrare almeno un FOLLETT, ma ho scovato solo due AMMANITI e un tizio CALVINO, con due RAMPINI in mano, che mi ha gridato: “Non toccarli, son velenosi, va via che te CREPET!”.
Gli ho fatto un grosso PENNACCHI e l’ho mandato a fan CULICCHIA e pure a quel PAVESE. Gli ho risposto:” Forse è meglio che ti LEVI!”.
Poi mi son detta: devo staccare LA SPINA, son troppo SVAMPA.
Stavo tornando indietro, c’erano un sacco di BUSI, son caduta e mi son fatta dei MORELLI.
A l’è mei che WU MING in gir!
Son tornata a casa, ho litigato con il mio CAROFIGLIO, poi ho preparato dei fiocchi D’AVENIA, ma mi son vista fin troppo MAGRIS e mi è venuto pure il mal di PANSA.
Vi confesso che, per DAVERIO, mi son bevuta anche una CORONA.
Poi ho dormito BENNI. E…sì, se son stanca RUSSO!
E voi, voi andate al PIPERNO, io odio gli SGARBI.
E adesso tutti SCIASCIA, mi BARICCO qui e non voglio più sentire nemmeno l’ECO di una MOSCA. E… CAMILLERATEVI, che la vita è un TRAVAGLIO!

(Lady Nadia).

STA ARRIVANDO, MEGLIO CORRERE AI RIPARI!

Al lavoro, in libreria.
Scontrino. Tre confezioni regalo per tre libri dal formato apparentemente identico e realizzate con sacchettini standard, blu metallizzati (sono rimasti solo quelli).

“Vuole che le indichi a penna l’iniziale del nome del destinatario in modo da distinguerli?”
“Ah sì, grazie, non ci avevo proprio pensato”.
(Mumble mumble, …naturalmente un uomo)
“Va bene. Allora, su questo che lettera metto?”
“Scriva W, W di Walter”.
Eseguo, e poi confeziono il secondo libro.

“Ecco! Su quest’altro, che lettera metto?”
“Oh caspita, è vero! C’è un problema: sarebbe un’altra W, W di Wilma. Beh, allora mi faccia un favore, scriva l’iniziale del nome e anche quella del cognome (state attenti alla genialata😉), W-C”.
Io rido.
Rido tanto.
Tutte le persone che sono alla cassa ridono.
Lui, serio: “Ehm, Wilma Cattaneo, dunque W-C”.
Poi, forse, può essere che capisce.
Ride anche lui (e meno male!).
“Senta, meglio le prime due lettere del nome, segni WI, e… non se ne parla più!”
Ho davvero temuto per il terzo regalo. Ma, per fortuna, era una M di un certo signor Mario. Un nome più consono e più sobrio, decisamente.

Poi, una volta a casa, son stata colta da un dubbio: e se il pacchetto fosse stato consegnato girato?
😂

OGGI RELAX.

buckled-book-2180047__340.jpg

Tic tic, picchietta il dito sul tavolo,
tic tac fa il ticchettio dell’orologio,
pic pic, cade la pioggia,
tum tum, batte il cuore.
Plic plic, il lavandino perde,
tluc tluc, c’è chi picchia con un martello,
slasch slasch, scivolano le auto, fuori, sul selciato bagnato,
clip clap, i passi nelle ciabatte,
glu glu, bevo il caffè.
I pensieri stridono, scricchiolano, si srotolano dentro la testa,
proprio un gran caos, come una sinfonia d’orchestra.
Archi, violini, oboe, grancasse, bassi,
è un vero concerto, è roba da pazzi!
Metto le scarpe, infilo la giacca, prendo l’ombrello.
Meglio uscire,
devo zittire questo cervello!

Ciao, buona domenica! 😉