Destino – 5

La quarta parte è QUI

Nonostante le tante frenesie d’amore della giornata, Holbesh non riusciva a prendere sonno. Supino, mani dietro la nuca, osservava il tetto azzurrino della sua camera al Catalano al solo chiarore della luna piena che riempiva il mondo oltre la finestra spalancata. Nel breve corridoio di accesso all’ambiente un lievissimo fruscio e un muoversi d’ombra avrebbe dovuto inquietarlo, ma la sua anima era indurita, e per nulla inatteso sembrò il muoversi della nera figura di padre Martin sino al suo giaciglio. Immobile serrò gli occhi aspettando che prendesse posto sulla seggiola di lato alla sponda.

– Se siete venuto a confessarmi padre l’ora è tarda?

Sebastien ebbe un impercettibile sussulto. Solo un attimo per tradire un residuo di sorpresa.

– Pensavo riposaste.
– Difficile quando si hanno cattivi pensieri! Ma lo sapete bene voi, giusto?
– Già.
– Notizie dai nostri amici sbirri?
– Ricordate che lo sono anch’io Holbesh e se il governo non vi avesse dato questa possibilità…
– La conosco la storiellina Martin. Notizie?
– Nulla. Vi siete già stancato delle vostre donne? Sembravate contento fino a ieri sera.
– Quanto voi della vostra bella vedova.
– Touché.
– …
– Pare che la cura però funzioni. Quanti mesi è che siamo in questo posto maledetto?
– Stronzate. La cura non serve a niente.
– Mi pare che siamo vivi e vegeti.

Holbesh sollevò il busto e ruotando il corpo si mise seduto accanto al finto prete. Per un attimo osservò i piedi poggiati sul pavimento di legno come se cercasse nella loro forma un qualche motivo di riflessione. Poi allungò la mano verso la borsa che teneva poggiata accanto al comodino. Scavò un po’ e ne estrasse un flacone trasparente di vetro con una etichetta gialla, che lancio alla sagoma seduta di fianco.
Martin lo afferrò al volo osservando con un qualche interesse le compresse in trasparenza, soprattutto in funzione del fatto che il tappo era ancora perfettamente sigillato. In altri momenti avrebbe provato a indagare, a far finta di non capire, ma quella era una notte strana e inadatta alle tattiche.

– Da quando Holbesh?
– Tre mesi.
– Pensavo di essere il solo. Ora bisogna comunicare subito…
– Cosa? Che volevamo entrambi toglierci la vita e invece scopiamo da mesi in questo buco di posto e non accade nulla di grave?
– Che ne sapete voi di cosa volevo fare io? Magari la cura opera una immunizzazione…
– Siamo troppo simili Sebastien, solo imprigionati in sponde opposte dello stesso torrente in piena. Dubito molto che si tratti della protezione dovuta alla cura e comunque non siamo più due in questo paese, ma tre.
– Tre?
– Già, tre con Pierre.
– Pierre? Ma ho confessato proprio ieri Marie.

Holbesh tornò supino con un unico movimento, sorrise tra i denti per l’ultima frase ingenua di Martin.

– Credete davvero che si dica tutto al confessore? Pensavo foste più smaliziato padre Martin. Forse che voi al vostro benamato vescovo raccontate delle sortite in sagrestia della vostra bella vedova d’Anton?
– Non sarebbe proprio il caso e vi ricordo che comunque non sono un sacerdote!
– E Marie non è una verginella. Le ultime pasticche le ho date a lui, spiegandogli di non dire nulla in giro se teneva alla sua bella.
– Tanto bene non deve volergli Marie. Senza la cura avrebbe già pianto il ragazzo da un pezzo. Spero che quanto meno lei non sospetti nulla.
– L’ho dovuta informare invece e comunque anche per Pierre adesso è solo zucchero.
– Cosa?

Holbesh tornò seduto sulla sponda, gli occhi spalancati come in preda a isteria o droghe.

– Ho fatto un piccolo esperimento. Per un mese ho dato a Pierre il farmaco degli amici vostri e per un mese zucchero.
– Placebo.
– Esatto.
– Holbesh cosa volete dirmi che il pericolo è passato?
– E i fratelli Lefèvre?
– Già!

Padre Martin si alzò di scatto e nervoso si portò alla finestra. La luna dava il meglio di sé e la vallata brillava iridescente e tranquilla. Sembrava che nulla potesse turbare quel minuscolo angolo di mondo, eppure da anni morte e dolore vi albergavano disgregando i sentimenti e le vite di donne e uomini di quella piccola comunità.

– Sebastien, qualcosa che non va in questa strana storia c’è e non credo che i nostri amici del governo vogliano aiutarci. Avete idea di cosa sostengono avere inquinato la falda almeno?
– Dicono un agente patogeno in studio presso la base di…
– Dicono, dicono, dicono un sacco di balle Sebastien. Come quella delle radiazioni e della tempesta solare. La verità è che siamo solo cavie senza via di fuga.

Padre Martin si girò nuovamente verso l’uomo seduto sul letto, ma non ebbe il tempo di controbattere nulla perché un sordo tamburellare alla porta attirò la loro attenzione. Un sussurrare attutito dietro il battente rivelava l’impaziente presenza di Marie.
Padre Martin con uno scatto si rinchiuse dentro il bagno, lasciando un solo spiraglio per ascoltare il dialogo. Holbesh liberò la serratura e accolse la faccia stralunata della ragazza.

– Pierre. Sta male. È un’ora che si è accasciato in un angolo e sente la vista affievolirsi. Mi ha fatto chiamare dalla madre. Sembra grave.

Marie non riusciva a trattenere le lacrime e avrebbe di sicuro preteso una spiegazione. Holbesh con la coda dell’occhio guardò attraverso lo spiraglio il trasalire di Padre Martin. E pure loro ne avrebbero avuto bisogno in quel preciso momento, anche solo per capire se nel loro futuro c’era una vita o una morte, una liberazione o una fuga. Meccanicamente Holbesh prese la giacca e seguì la giovane. Padre Martin attese alcuni minuti, poi si tirò fuori dal suo nascondiglio e, in silenzio, si dileguò nel buio della notte ormai alla fine.

Vacanze in Supramonte

Vi propongo un altro esperimento. Non avendo fantasia, ho chiesto aiuto al popolo di Twitter e mi è venuta in soccorso Cris B. . Avevo chiesto un personaggio, un luogo e una cosa e questo (vedi foto) è ciò che mi arrivato, completo di alcune linee guida che non mi aspettavo ma che mi hanno lasciata piacevolmente sorpresa. Oggi posto la prima parte del racconto, al prossimo turno arriverà la seconda. Buona lettura!

Cattura

Matteo si aspettava un mese di mare. E invece no; si era ritrovato catapultato in Supramonte, Parco del Gennargentu, Barbagia, Sardegna, Italia, Europa, Terra.

Quando aveva capito che la strada non avrebbe fatto altro che salire, aveva iniziato a piangere disperato, ricordandosi all’improvviso di una conversazione sentita per caso in cui sua madre diceva “lo manderei a fare un giro in Supramonte! Col cavolo che torna!”. Ora, la madre non necessariamente si riferiva al figlio, questo Matteo l’aveva capito, ma in ogni caso gli era rimasto impresso il tono fatidico associato al cuore selvaggio di quella meta estiva perennemente bruciata. Il Supramonte è quello dei banditi, per intenderci, qui in Sardegna lo impariamo presto, e il bambino, pur essendo nato nel “continente”, era sardo fino al midollo. Nemmeno i genitori erano felici del cambio di programma, solitamente trascorrevano le vacanze nella casa al mare dei genitori di lei in cui c’era posto anche per i genitori di lui. Il destino però aveva voluto che una zia di lui, tale Tzia Bona, decidesse di morire proprio la sera prima della partenza, quindi la famiglia aveva dovuto cambiare destinazione: da Stintino a Orgosolo. C’era da aiutare i nonni con la defunta, il funerale, la sepoltura e i parenti. Soprattutto con i parenti. Ah, e con il caffè. Sì, perché qui ai funerali si beve caffè, ad ogni parente che arriva si mette su un’altra caffettiera e via! Un altro giro per tutti, manco fossero shottini. A fine giornata si sta tutti nevrotici come chi passa una giornata in un ingorgo cittadino. Ah, poi ci sono le caramelle per i bambini, quelle alla panna. Nonne e zie più o meno acquisite danno vita ad uno spaccio che non si vede manco nei quartieri malfamati di Cagliari. E guai a dire no, che sia no al caffè o alla caramella, se ti azzardi a rifiutare, ti inceneriscono con lo sguardo. Allora ti tocca rimediare dicendo che la caramella la mangi dopo e la metti in tasca, ma il caffè è un problema, ci devi ripensare subito e mandarlo giù tutto.

Tornando al piccolo Matteo, i giorni di lutto passarono lenti ma finalmente, una volta sepolta la povera donna, la casa dei nonni si fece più tranquilla e tutta la famiglia (genitori, nonni, zii, parenti, vicini e cani) optarono per una gita in Supramonte per prendere aria.

“Non voglio andare in Supramonte! Non voglio morire lì!”

“E mica ti ci lasciamo, tesoro! Torni a casa con noi!” gli disse la madre prendendolo per mano e strascinandolo verso l’auto mentre il padre quasi rotolava dalle risate.

Il Supramonte non era poi così male, constatò il bambino appena sceso dalla macchina. La foresta di Montes con i suoi lecci secolari gli si parava davanti in tutto il suo splendore. Si trovavano nell’area picnic vicino alla sorgente di Funtana Bona, a pochi metri da una foresteria che ospitava un piccolo museo naturalistico; in men che non si dica la tavola fu preparata e sommersa da xivedde di malloreddus conditi con sugo di salsiccia e di culurgiones inondati di pecorino stravecchio, poi taglieri di salumi e formaggi, compresa una forma di casu martzu di contrabbando, barattoli di olive in salamoia, quelle buone preparate in casa da Nonna Maria, l’olio buono di Tziu Tonino,salsiccia fresca da grigliare perché qui non solo mangiamo quella fresca, ma la facciamo pure essiccare, ché di salsiccia non ce n’è mai abbastanza. E da bere? Cannonau,Nepente e, per digerire, Fil’e Ferru, anche questo di contrabbando perché lo stesso Tziu Tonino di cui sopra diceva che “L’ho sempre fatto e mai sono morto!” Infatti uno non crepa fino a quando non crepa, no?

Dopo pranzo i grandi si dedicarono a pettegolezzi e pisolini mentre i bambini organizzarono una partita di calcetto improvvisando delle porte con dei rami trovati sul limitare del bosco. Guai ad andare oltre il primo albero! Gli adulti li avevano avvisati: se ci si perde in Supramonte, a casa non si torna più.

Ovviamente la palla non aveva niente di cui preoccuparsi, dato che una casa vera non l’aveva, per cui al primo tiro andò a piazzarsi dietro un arbusto oltre la seconda fascia d’alberi. Matteo, con tutto il coraggio che aveva in corpo, andò a recuperare il pallone e, proprio mentre lo stava tirando fuori dal cespuglio, si accorse che il vento portava un verso flebile non molto lontano. Lanciò il pallone al cugino ma non lo seguì quando questo si voltò per tornare a giocare; si diresse invece nella direzione opposta, addentrandosi nella foresta alla ricerca di quello che pareva un piccolo uccellino. Camminò per un po’ senza curarsi delle raccomandazioni di genitori e parenti che dalla mattina non avevano fatto altro che ripetere “Non allontanatevi troppo e, SOPRATTUTTO, non addentratevi nel bosco!”. In effetti gli sembrò di sentire qualcuno chiamare il suo nome ma fece finta di nulla e continuò la sua ricerca. La sua curiosità era troppa, irrefrenabile. Arrivò in una radura e trovò una piccola poiana di Sardegna caduta a terra; la raccolse con delicatezza e guardò in alto alla ricerca del nido. I rami erano fitti e non sapendo esattamente che cosa cercare, si girò sui suoi passi per portare la piccola malcapitata agli zii che sicuramente avrebbero saputo cosa fare. Camminò per quello che gli parve un tempo interminabile e ancora dell’area picnic non c’era traccia. Chiamò allora i cugini per nome, uno per uno, ma ancora niente. Sentì un fruscio alla sua destra e allora pensò che qualcuno gli stesse facendo uno scherzo per dargli una lezione, magari lo zio Luca che quelle zone le conosceva bene e sicuramente gli era venuto dietro appena si era accorto del suo ingresso nella foresta, ingresso non seguito da un’uscita.

“Puoi uscire fuori adesso! Mi dispiace.”

Niente.

Iniziò allora a sentire il panico crescere dentro il suo petto e si mise a correre di qua e di là, urlando a perdifiato e con il piccolo uccellino stretto al petto.

NON C’E’ DUE SENZA TRE

Una brevissima storiella, semplice e senza pensieri. Ad agosto ci si vuole rilassare, o no? (S.Re)

Aveva deciso di puntare forte.
“Tutto sul due!” gridò per motivare la sua scelta.
La pallina cominciò a girare e rigirare finché con un piccolo balzo rotolò sul numero due.
“Vinto!” grido in preda all’entusiasmo.
“Fate le vostre puntate!” disse una voce abbastanza impostata.
“Tutto sul due!” gridò nuovamente.
La palla cominciò a girare mossa da una forza centripeta che l’ancorava alla roulette.
Poi lentamente fece tre balzi in avanti e si fermò sul numero due.
“Vinto!” gridò nuovamente estasiato.
“Basta ora, andiamo” gli disse una voce femminile e suadente.
“Tutto sul due!” gridò senza ascoltare nessuno.
La ruota cominciò a girare e la pallina sembrava volare aggrappata ad una forza che non le permetteva di scappare.
Poi fece un piccolo balzo e si fermò sul 23.

Il silenzio piombò in sala. Davvero, non c’è due senza tre!

di Stefano Re

Destino – 4

La terza parte è QUI

Il piccolo andito dava su un ambiente esterno circondato da una breve teoria di colonnine. Il relitto di un chiostro con molta probabilit. Una piccola edicola votiva, incastonata in una nicchia nella muratura, regalava un po’ di luce alla scena, brillando di lumini tremolanti. Una porta secondaria appena accostata trafilava un debole chiarore e con una certa difficoltà si faceva notare nella quasi oscurità della rientranza per un occhio ancora non adattato. Entrando, la navata buia di Santa Marta era completamente vuota e silenziosa, per nulla accogliente bensì lugubre visione delle ossa fossili del grande reliquiario. Qua e là candele quasi terminate proiettavano ombre sulle tele alle pareti. Una sagoma appena percepibile stava seduta su uno dei banchi in attesa.
La donna diede un paio di occhiate in giro, poi puntò decisa verso l’ingresso della sagrestia, non curandosi, o forse non avvedendosi, che la sagoma si fosse alzata per seguire i suoi passi poco dietro. Tutto avveniva nel silenzio più assoluto, come se entrambi i fantasmi indossassero pantofole di spugna. Ogni tanto solo un leggero fruscio d’abiti rivelava la presenza di esseri animati. Giunta nella sagrestia la vedova d’Anton si accomodò su uno degli scanni di legno sulla parete, in silenzio. Pochi istanti e anche la sagoma varcò la soglia illuminandosi e rivelando le sembianze di un uomo di mezza età in clergyman.
Si conoscevano i due, ma non accennarono a un segno di saluto. Per alcuni minuti confabularono animatamente, lei seduta, lui in piedi. Mantenevano comunque il tono della voce bassa, forse con la paura che a quell’ora i muri potessero essere troppo sottili per mantenere il segreto di quell’incontro. Poi la vedova d’Anton si alzò e fece come per tirarlo a sé di prepotenza. Una, due volte. Alla terza perse anche l’equilibrio cadendo all’indietro nuovamente seduta sullo scanno. Padre Martin, ché il suo volto avevano infine rivelato le fioche luci del luogo, le prese allora le mani come a volerla quietare.

– Ivonne, mia cara, sapete che io non posso comportarmi come ogni altro uomo del paese.
– Ma quella sera lontana…
– E proprio quella sera dobbiamo dimenticare, per non farci ancora del male.
– Ma allora perché ogni notte m’aspettate.
– Perché è davvero difficile dimenticare.

Ivonne Mercure, vedova d’Anton, piegò le labbra in un sorriso quasi beffardo poi, con lentezza studiata, iniziò a sollevare il lembo della gonna, spalancando maliziosamente le gambe.

– Potresti far di meglio che passare le notti a ricordare, magari anche considerando che quell’abito che porti è solo un travestimento, anche mal riuscito.

Sebastien Martin, agente del governo inviato in quel posto dimenticato dal mondo, osservò per l’ennesima volta la donna rimaner nuda dinnanzi ai suoi occhi. E per la seconda volta in sei mesi non ebbe la forza di rifiutarla. Scricchiolarono e gemettero gli scanni di legno, a dimostrazione di quanto Ivonne non fosse paga dei suoi incontri serali. E alla fine entrambi, abbracciati sul tappeto verde smeraldo, stremati e forse felici guardavano le travature di legno riflettendo su qualcosa di simile al futuro.

– Quando finirà questa quarantena Sebastien?
– Inizio a essere sfiduciato Ivonne. Ogni dispaccio che invio ha sempre la stessa risposta: stiamo indagando sul caso, presto avrete nostre notizie. Sono stanco di recitare questa parte del santone idiota che abborrisce il sesso e che blatera della maledizione. Siamo stati per mesi la favoletta della nazione, ma adesso anche i giornali hanno iniziato a dimenticarsi di noi.

L’uomo si girò su un fianco poggiandosi su un gomito.

– Hai idea da quanto non si veda più in giro un giornalista o un commentatore?

La vedova d’Anton chiuse un attimo gli occhi, non per appisolarsi, ma per provare a ricordare gli ultimi avvenimenti. Le prime morti erano passate quasi inosservate: cosa poteva esserci di strano in due signori di mezza età che passavano a miglior vita senza alcun motivo apparente? L’esistenza è strana e il destino ha le sue regole crudeli. Ma i casi aumentavano e il numero di vedove di fresche o antiche nozze divenne troppo strano per nascondersi dietro una presunta normalità. Il fatto produsse una macabra storiella estiva per le testate scandalistiche della nazione, il goloso racconto del paese delle vedove. È così arrivarono in paese anche strani figuri e padre Martin. L’intera popolazione maschile e poi femminile fu passata ai raggi X, raccontando in giro che quelli erano solo normali controlli che il governo stava operando un po’ ovunque per assicurare la salute pubblica. Padre Martin iniziò invece i suoi sermoni su un non ben identificato castigo divino, a causa della lussuria che aveva impestato quel borgo. Ogni settimana si svolgevano processioni e pubbliche manifestazioni di preghiera per impetrare grazia e benedizione. Eppure la moria dei mariti continuava implacabile sino ad azzerare tutte le coppie del paese, comprese quelle da mesi in rigorosa astinenza e le pochissime temerarie che irridendo la sorte provavano a ignorare il monito del sacerdote. Sull’argomento lussuria padre Martin non aveva troppi torti, visto che le donne del luogo, da secoli, avevano l’aura di grandi e insaziabili amanti, nomea guadagnata di diritto nelle alcove con sudore a applicazione. Di madre in figlia l’arte amatoria si era radicata nel codice genetico della piccola comunità e la moria dei maschi dopo il primo periodo di dolore sincero, minò seriamente la salute psichica delle povere vedove. Bisogna dire che anche i maschi celibi per timore della vita avevano, sebbene di malavoglia, applicato una ferrea astinenza sessuale. Fu così che alcune donne iniziarono a cercar refrigerio dei loro pruriti in maniera autonoma, aiutandosi vicendevolmente anche con strumenti e surrogati. A dire il vero, dopo un primo momento di paura di incappare nella maledizione e lasciarci le penne, giacché sempre di lussuria trattavasi, lo stesso padre Martin dovette giustificare l’accadimento in forma coerente con la presunta maledizione. Quelle pratiche erano, diciamo così, innocue proprio per evidenziare il degrado morale al quale anche le donne erano state condannate: accoppiarsi innaturalmente tra loro. Spiegazione dapprima poco gradita, ma in breve tempo piuttosto apprezzata dal popolo femminile, al quale, dopo vari tentennamenti, si aggiunse l’altra metà della popolazione maschile in vita, con limitato ma stabile sollievo
Tutto filò apparentemente liscio per mesi, sino a che in paese non capitò l’anomalia Holbesh. L’essere umano è infatti debole e nei confronti dello straniero purtroppo crudele. Specie con l’estraneo che fulminato dalla vedova Morel e ignaro del segreto del luogo, tanto fece e tanto disse da indurre la donna a cedere alle sue richieste, conscia lei di condannare a morte l’uomo che in fin dei conti l’amava, ma che almeno allora era solo una strumento utile alle sue mai sopite voglie. Dopo il primo incontro la giovane vedova tornò a casa appagata ma con il senso di colpa per la sorte imminente di Holbesh. E così per il secondo, per il terzo e per il quarto. Già dal quinto alcuni dubbi iniziarono a sorgerle e dopo due mesi di gustosa frequentazione assidua si decise a far visita a padre Martin per chiedere come mai Holbesh, nonostante avesse dato fondo con lei a ogni genere di pratica lussuriosa, fosse vivo, vispo e vegeto.

– Già perché Holbesh non è ancora morto?

La vedova d’Anton spalancò gli occhi e si rese conto che stava per albeggiare. Ovviamente neanche il suo Sebastien era in pericolo di vita; nonostante le sue ritrosie sia lui che Holbesh potevano dormire sonni molto più che tranquilli.

NOCTURNAL GHOST

Come quasi sempre, la donna andò a letto prima dell’uomo. Scostò le tende alla finestra e contemplò i raggi di luna sul metallo della ringhiera. Luna piena di una notte calma e fredda. Si distese tra le lenzuola, pensierosa. Troppo silenzio in quella casa. Non le piaceva, lo detestava. Si rigirò nervosa sul materasso, mentre l’uomo continuava a ubriacarsi davanti alla tv in salotto. Il ticchettio delle lancette proveniente dal comodino scandiva un ossessivo ritmo nella sua mente. Poi provò un brivido per tutto il corpo. Un fruscio vicino, qualcuno si era appoggiato sul letto. Riconobbe la sua bambina. Anna. Quando lei entrava nella stanza matrimoniale, era una gioia per la donna. Niente più quel malinconico silenzio.
“Mamma…” La vocina risuonò innocente nell’oscurità.
“Dimmi, amore mio.”
“Ti sento triste.”
“Non sono triste. Ci sei tu qui con me.”
“Lo hai fatto?”
“Non ancora, bimba mia. Aspetto il momento giusto. Non è facile per me, lo sai.”
“E’ un uomo cattivo. E’ stato tanto cattivo con me. Come fai a vivere ancora con lui?” si lamentò la bambina.
“Lo so, Anna. Non temere.”
“Promettimi che lo farai… per non dimenticare quello che mi ha fatto. Ti prego. Fallo smettere. Per sempre.”
“Non preoccuparti, piccola. Te lo prometto. Lo farò per te.”
L’uomo spalancò bruscamente la porta. Trovò soltanto sua moglie rannicchiata e grugnì con disappunto.
“Che cazzo ti prende? Parli da sola?”
Lei non si mosse, facendo finta di dormire tranquilla. Lui la contemplò per un po’ e tornò a bere alla sua poltrona.
Un caldo alito di vento soffiò sulla sua guancia. Nel buio, le labbra della donna disegnarono un sorrisetto sornione.
“Buonanotte, mamma. Ti voglio bene.” disse la sagoma della bambina, prima di dissolversi.
“Anch’io, Anna.” mormorò la donna con gli occhi chiusi.

Incontri

La città cambia faccia di notte: silenziosa, dormiente, rilassata; è l’esatto opposto del tumulto caotico e stressante che la popola durante il giorno ma non è meno vera. Più sfumata forse, con i suoi contorni diluiti e i rumori attutiti. A Sara è sempre piaciuto gironzolare la notte, fin da adolescente ha imparato a calarsi giù dalla sua finestra per poter pedalare in lungo e in largo per le strade deserte e pensare, attività generalmente considerata inconsueta per una ragazzina; gli adolescenti dovrebbero preoccuparsi principalmente dei primi baci dati in un angolo con la paura mista ad emozione per il rischio di venire scoperti. Ma Sara non è come tutti, Sara è… semplicemente Sara. Pensa tanto, scrive di più e sogna durante il giorno ad occhi aperti mentre fissa un punto imprecisato del vuoto pieno di qualche bar. E’ durante una di queste meditazioni che un cameriere imbranato quasi le rovina il cappotto nuovo verde speranza; si chiama Leo e in quel bar lavora da pochi mesi; ha notato subito quella donna di poco più di trent’anni persa in sé stessa e ha passato giornate intere a pensare a come presentarsi e chiederle un po’ del suo magico tempo. Manco a farlo apposta, perché davvero non l’ha fatto apposta, l’occasione si è presentata da sola; è bastato un vassoio troppo carico e in precario equilibrio recuperato all’ultimo secondo con le stoviglie perfettamente al loro posto in barba ad ogni legge della fisica. Leo è mortificato per l’incidente e resta basito per un momento quando lei scoppia a ridere appena dopo aver ripreso colore; ha una risata leggera, primaverile. Gli chiede se stia bene, lui risponde di sì e le rivolge la stessa domanda cui lei risponde con un cenno del capo; una marea di riccioli biondi si agitano ribelli andando ad incastrarsi nella montatura degli occhiali che Sara porta da quando ha memoria. Leo si scusa ancora una volta e torna al suo lavoro senza avere il coraggio di chiedere quello che veramente gli interessa. Pazienza, pensa. In fondo non è mai stato un uomo coraggioso, non ha mai fatto la prima mossa e forse è proprio questo il motivo per cui si sente come se la vita gli stesse scivolando via tra quelle mani grandi e screpolate incapaci di afferrarla. Si gira verso il bancone e il cuore gli balza nel petto; Sara lo fissa dritto negli occhi e gli chiede semplicemente “domani quando finisci il turno?”. Lui risponde sì. Si salutano con un cenno della mano. Alla fine ci ha pensato la vita ad organizzare tutto.

LA LANCETTA CORTA

Il bambino con i capelli rossi era attratto dall’orologio. Non capiva ancora il funzionamento di quell’aggeggio, ma comunque ne era entusiasta. Gli sembrava strano che gli adulti facessero riferimento a quelle due lancette che tra l’altro erano venute anche male: una lunga e una corta.
Ma era il mistero di quel girare continuo delle lancette che lo entusiasmava. E poi i numeri, dall’uno al dodici, come se da lì in poi non esistessero altri numeri. Gli avevano detto che andavano all’infinito e poi qualcuno aveva deciso che in quel quadrante se ne utilizzassero solamente dodici. Il papà gli aveva spiegato che quei numeri indicavano le ore, ma non era stato in grado di spiegargli perché fossero solamente dodici.
“Comunque segnano la giornata”, aveva aggiunto. “Segnano il passare del tempo!”
“E perché ci sono due lancette?” gli aveva chiesto il bambino.
“In realtà sono tre, due grassottelle e una molto magra. Quella magra, la più veloce, segna i secondi, mentre la più lunga, ma cicciottella, segna i minuti e quella corta segna le ore”. Il figlio non aveva capito nulla, ma fissava quelle lancette come per carpirne il segreto.
Poi, chiese al papà di togliere il vetro che le proteggeva. Il papà acconsentì e fu allora che il tempo cominciò ad impazzire. Il bimbo con i capelli rossi spingeva la lancetta lunga, poi tirava indietro quella corta e poi giocava nuovamente con quella lunga, finché anche il sole non capì più nulla e cominciò a sorgere e a tramontare senza rispettare la sua corsa naturale. Gli animali impazzirono, mentre il traffico nelle strade non si capacitò di quale fosse realmente l’ora di punta. E impazzì anche lui. Fu il delirio del tempo, e fu allora che qualcuno anticipò l’uscita del quotidiano del giorno dopo, facendo arrabbiare i giornalai. Il titolo principale diceva: SCHIAVI DEL TEMPO.
Mentre il bambino si divertiva come un pazzo!

(di Stefano Re)

Destino – 3

La seconda parte è QUI

Pierre, terminato il turno al banco frutta dell’emporio Carver, sgattaiolò provando a nettar le mani con uno straccio. Alla fontana della piazza completò l’opera, sciacquando anche la faccia impregnata di sonno. Dalle cinque del mattino sveglio e in moto per le faccende del mercato, adesso si trovava poca energia in corpo da spendere con la bella Marie. Ma si sa, tolti i vestiti di dosso e davanti alle grazie esposte della giovane amante, la gioventù avrebbe compensato qualunque fatica pregressa. Passando dinnanzi la chiesa ebbe un brivido: la statistica, seppur inclemente, non lo induceva a prendere sul serio le conseguenze, sebbene si rendesse conto di quanto fosse oltre che temerario stupido. La stessa Marie più volte l’aveva redarguito: solo sesso tra di loro, come per tante donne in paese. Solo quello, tutto il resto ahi loro doveva essere mantenuto lontano. E perfino segreto vista la perfidia della matrigna. 
Holbesh, nello stesso istante, vedeva su di sé volteggiar le due donne, che anche tra loro ogni tanto indulgevano in pratiche che rincuoravano il suo occhio oltre a lasciar un po’ riposare il suo povero dimenar d’uomo. Eppure tra un orgasmo e l’altro, in mente ben chiaro tornava il volto sereno della vedova Morel. Era un pensiero fisso e dolce che per fortuna ben l’aiutava a recuperar foga in quella spossante danza a tre.
Due isolati a fianco, più tardi, Marie con un lenzuolo a velarla appena, seduta sulla sponda del letto, protestava il suo disappunto.

– Perché Pierre ti ostini in questi discorsi? Perché? Non hai sentito in chiesa padre Martin redarguir noi tutte sull’accampar pretese per chicchessia uomo del paese o forestiero?
– Ma padre Martin potrebbe sbagliarsi, potrebbe esser solo un caso e non una…
– Caso? E mio padre e Morel. E il signor Chassisse, Veron, Peregrine. D’Anton!
– Ma rifletti, tua madre allora?
– Allora cosa? Cosa? Stai parlando di prima della guerra?
– E che cosa avrebbe dovuto causar di così astruso la guerra?
– Non è cosa che una locandiera o un garzone di bottega possono capire. Ma tant’è se vogliamo ancora stare insieme dobbiamo fare come tutte le mie amiche e parenti.

E dicendo questo fece scivolare maliziosamente il lenzuolo rivelandosi nuovamente a lui completamente nuda. Pierre dovette pensare che la vita ci regala istanti da cogliere e che per quei discorsi sicuramente c’era tempo. Così, anche lui pronto all’amore, si rituffò in tutto quel ben di dio che attendeva solo d’essere preso e ridotto ancora a corpo stremato e ansimante.
Da poche ore, mesta e preoccupata, la vedova Morel era rientrata e seduta sul piccolo patio davanti casa, rifletteva sugli stessi argomenti che torturavan l’anima di Pierre. Lei, da brava fedele osservante, credeva alle parole di padre Martin; eppure ripensando agli struggimenti di Holbesh, ai loro stupidi altalenanti incontri, si faceva assalire da dubbi e speranze. Certo ripensava al marito, spentosi improvvisamente in un bel giorno di primavera proprio mentre rientravano da una delle prediche più accorate del sacerdote. Ancora sentiva dentro di sé quel sentimento di colpa misto a rabbia. Quello era un destino per lei e per le tante rimaste a rifletter troppo sui fatti, guidate dalla ragione più che dal cuore, che s’eran opposte alla realtà, perdendo cari affetti e tranquillità. 
Già, anche lei doveva farsene una ragione, come Marie e le altre sue conterranee, accettando la sua condizione per accontentarsi delle gioie del sesso. E in mente sua, pensando adesso alla giornata appena trascorsa con Holbesh, già l’accontentarsi sembrò ben riduttivo.
A tarda notte Holbesh e Pierre, piuttosto acciaccati si incrociarono sulla piazzetta del santuario e con uno sguardo inequivocabile si confessarono tante cose. Rimasero un attimo come a voler condividere i loro pesanti fardelli. L’amore signori, l’amore che li distruggeva piano piano, giorno dopo giorno, insensatamente devoti a quello che per loro era solo un infausto destino.
Poi, così come erano apparsi nella oscurità della piazza, sparirono per strade opposte a guadagnar finalmente un letto, dove semplicemente riposare nelle poche ore ancora disponibili alla notte.
La vedova Morel, infreddolita e triste, rientrò anche lei per prender meglio sonno. Marie e la matrigna, guardandosi vicendevolmente dalle finestre buie, speravano che anche quella volta nessuna di loro avesse avuto consapevolezza dei maneggi amorosi dell’altra.
La vedova D’Anton, rientrando verso casa, fece improvvisamente una svolta a destra, infilandosi dritta dritta dentro una palazzina buia ma ad occhio e croce ancora insonne. A quanto pare per lei la notte sarebbe stata lunga e per nulla tranquilla.